- , -

Alessandro Candiani, quando i sogni diventano realtà

È protagonista di una storia di impegno, sacrificio e successo. Una storia che dimostra che i sogni possono diventare realtà: con il lavoro e con la passione. Lui è Alessandro Candiani, alumnus dell’Università di Parma (è laureato in Ingegneria delle telecomunicazioni) e tra i soci fondatori dell’Associazione Alumni e Amici.

Alessandro Candiani DNAPhone
Alessandro Candiani

Il “Corriere della sera” qualche giorno fa ha dedicato un articolo di Paolo Di Stefano alla sua storia (L’ingegnere Alessandro e i 12minuti per trasformare le sue idee in lavoro): la storia di un giovane ingegnere che con un gruppo di amici (Michele Sozzi e Alessandro Tonelli, con i prof. Annamaria Cucinotta e Stefano Selleri) dopo l’Università ha saputo trasformare un’idea in una start-up di successo, facendola poi diventare (grazie all’acceleratore di start-up B-Ventures) una bella realtà.

L’idea ha un nome. Si chiama DNAPhone, ed è una piattaforma tecnologica in grado di fare miracoli. DNAPhone è un dispositivo ottico integrato con il proprio smartphone che permette di realizzare analisi di DNA per il riconoscimento di agenti patogeni legati all’industria agroalimentare e il monitoraggio ambientale in modo semplice, rapido ed economico. L’applicazione acquisisce i dati in fase di analisi, li gestisce e li rende disponibili in tempo reale agli utenti connessi.

Dopo essere stato selezionato da B-Ventures ed entrato nella fase di incubazione e poi di accelerazione, ora DNAPhone è diventato un’azienda, con quattro soci operativi e otto dipendenti.

Il lavoro è stato ed è tanto, e i sacrifici, come riconosce lo stesso Alessandro Candiani nell’intervista a Di Stefano, “enormi”, ma i risultati non si sono fatti attendere, sono arrivati importanti riconoscimenti e le prospettive ci sono. Un sogno, all’inizio: ora qualcosa di molto più concreto. Una bella storia, e un bel messaggio per tutti: in primis per gli studenti di oggi.

Share